Attenzione!

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e dei cookie di profilazione di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

domenica 11 ottobre 2015

Kate Summerscale - Omicidio a Road Hill House -



"Nulla potrebbe essere meno definito della linea di demarcazione tra sanità e follia [...] Restringete il concetto di pazzia, e diventa privo di significato; allargatelo, e ognuno si trova invischiato nelle sue spire. Per farla breve, tutti noi diventiamo folli quando lasciamo liberi di agire le passioni, i pregiudizi, il vizio, la vanità; ma se tutti gli individui ardenti, bigotti e narcisi fossero rinchiusi in manicomio, chi rimarrebbe fuori a fare la guardia?"

giovedì 1 ottobre 2015

Kate Summerscale - Omicidio a Road Hill House -




"Nulla rivela in modo più fedele la storia e i segreti di una famiglia che lo sguardo e l'espressione dei suoi figli. Nel loro volto, nel modo di comportarsi, nei capricci, nelle mancanze sono scritte le vicende della casa: allo stesso modo, su una pianta si possono trovare i segni della terra in cui è cresciuta, delle tempeste che hanno offeso i teneri germogli e strappato le foglioline delicate, della cura di chi l'ha potata e annaffiata [...] La fisiognomica dei bimbi predice in modo assai accurato la temperie della famiglia" 

mercoledì 19 agosto 2015

Brian Weiss - Messaggi dai maestri -




"I bambini ci osservano attentamente e si modellano su quanto vedono: il nostro comportamento, i nostri valori, i nostri atteggiamenti e, se siamo colmi d'odio e di violenza, loro diventeranno uguali a noi. Uno dei nostri compiti più importanti è quello di insegnare ai nostri figli il comportamento e i valori giusti, a cominciare dalla più tenera età, perchè anche i bambini piccoli ci osservano attentamente, e capiscono molto più di quanto pensiamo." 

lunedì 17 agosto 2015

Brian Weiss - Messaggi dai maestri -




"Coesistenza e armonia ... Tutto deve essere equilibrato. La natura è equilibrata. Gli animali vivono in armonia mentre gli uomini non hanno imparato a farlo. Continuano a distruggere se stessi. Non c'è armonia, nessun piano in ciò che fanno. E' così diverso in natura: la natura è equilibrata, è energia e vita ... e reintegrazione. E gli uomini distruggono solamente. Distruggono la natura, gli altri uomini e alla fine distruggeranno se stessi." 

giovedì 30 luglio 2015

Brian Weiss - Messaggi dai maestri -




"L'aggressione alla nostra mente inizia quando siamo molto piccoli: veniamo indottrinati con i valori e le opinioni dei genitori, della società, della cultura e della religione e tutto ciò soffoca la nostra conoscenza innata. Se ci opponessimo a questo assalto furioso, saremmo minacciati dalla paura, dal senso di colpa, dallo scherno, dal biasimo e dall'umiliazione, e nei casi più gravi possono incombere anche l'ostracismo, la negazione dell'amore, o abuso fisico ed emotivo. I nostri genitori, i nostri insegnanti, la società e la cultura possono inculcarci, e spesso lo fanno, pericolose credenze erronee. Il nostro mondo lo prova, perché vacilla incautamente verso la distruzione irreversibile"

mercoledì 27 maggio 2015

Wilkie Collins - La donna in bianco -



"Come ci si può aspettare che quattro donne sole siedano insieme a tavola ogni santo giorno senza litigare? Siamo così stupide, non riusciamo a intrattenerci senza uomini. Come vedete, non ho una grande opinione del mio sesso, Mr Hartright - [...] nessuna donna ha una grande opinione del suo sesso, anche se ben poche lo confessano liberamente come faccio io" 

Wilkie Collins - La donna in bianco -



"Guardai dal tavolo alla finestra più lontana, e vidi lì davanti una signora, voltata di spalle. Appena i miei occhi si posarono su di lei, rimasi colpito dalla straordinaria bellezza della sua figura, e dalla grazia assolutamente naturale del suo portamento. Era alta, ma non troppo; formosa e ben sviluppata, ma tutt'altro che grassa: la vita, poi, era pura perfezione agli occhi agli occhi di un uomo, poichè occupava il suo posto naturale descrivendo un circolo perfetto, senza traccia alcuna della costrizione deformante di un busto. Non mi aveva sentito entrare nella stanza; e io mi concedetti il lusso di ammirarla per qualche istante, prima di spostare una sedia a me vicina, per cercare di attirare la sua attenzione nel modo più discreto possibile. Si voltò verso di me immediatamente. L'innata eleganza con cui mosse ogni singola parte del suo corpo appena mi si fece incontro dal lato opposto della stanza mi rese smanioso e impaziente di vedere il suo volto da vicino. Si allontanò dalla finestra - e io mi dissi: la signora è bruna. Avanzò di qualche passo - e io mi dissi: la signora è giovane. Mi venne ancora più vicina - e io mi dissi (con un tal senso di stupore che le parole non riescono a descriverlo): la signora ... è brutta!"